Biografia

Giuseppe Barone è nato nel 1943 e cresciuto nella piccola città di Palmi nel sud Italia. Talentuoso in giovane età ottiene la sua prima mostra personale a 20 anni. Inizia presto ad esporre le sue opere in numerose mostre personali e collettive partecipando con successo a concorsi di pittura e incisione. Fondendo il suo personale immaginario onirico con accenni al fauvismo e all’ espressionismo, nel corso degli anni, continua a enfatizzare il potere emotivo di linee sinuose, pennellate forti e colori acrilici, catturando uno stato d’animo piuttosto che cercare semplicemente di rappresentare il mondo in modo realistico. Nel 1982 si trasferisce a Firenze spinto da un desiderio di formazione artistica e ricerca personale. Prende lezioni dal Maestro Ferdinando Farulli all’ Accademia di Belle Arti di Firenze. Questa scuola, prettamente di stampo accademico,  richiedeva degli studi classici partendo dai corsi di nudo dal vivo fino alle arti delle tecniche miste, durante quegli anni intensifica la sua produzione incisoria. Poco dopo diventa insegnante di tecniche calcografiche alla “Scuola Leonardo” di Prato. Il suo stile pittorico evolve e abbandona definitivamente l’uso dell’ acrilico sostituendolo con la pittura ad olio. Nel 1990, Barone viene incaricato dal prof. Elio Mercuri, giornalista e critico d’arte, di creare una serie di dodici incisioni colorate a mano e ispirate alla poesia “Calabria” di Leonida Rèpaci; l’opera illustrata intitolata “Calabria”, 125 unici esemplari stampati a mano su torchio, viene pubblicata da “Grafica D’arte Lombardi” di Roma. Successivamente, nel 1998, “Calabria” parteciperà al Festival Mondiale della Poesia Illustrata tenutosi a Villefranche-sur-mer. Il suo lavoro, inizialmente figurativo, diventa sempre più fluido ed energico, e nonostante il suo approccio rigoroso al colore e alla forma, i suoi soggetti rimangono spesso tradizionali: paesaggi vulcanici naturalistici e fondali marini, luoghi e immagini che si ispirano al luogo della sue origini. Nel 1997 è selezionato per partecipare a una mostra collettiva internazionale “Rencontres Internazionales” al Palais de L’Europe a Mentone (FR), e non molto tempo dopo la galleria Haig-Art & Associès di Nizza (FR) organizza per lui una mostra personale. Lo stesso anno espone sia al Comune di Viareggio (Toscana) che alla prestigiosa “Arte Fiera” di Bologna. Negli anni successivi continua la sua attività espositiva mostrando le sue opere alla “Sala Napoleonica” di Pistoia, al “Palazzo della Provincia”  di Messina, alle “Scuderie Borbone” di Camaiore, al Caffè Pedrocchi di Padova e all’ Istituto di Cultura “Casa Cini “ di Ferrara. Nel 2001 realizza uno dei suoi lavori più importanti intitolato “Concerto”, una tela su larga scala 150×300, che donerà all’ Arcispedale Sant ‘Anna tramite la Quadreria Arte Contemporanea “Renzo Melotti” di Ferrara. Barone continua ad esporre le sue opere con diverse mostre personali; nel 2002 al “Cassero Medievale” di Prato e poi alla “Sala delle Grasce” di S.Agostino a Pietrasanta. Nel 2003 espone al Palazzo “Medici Riccardi” della Provincia di Firenze, a Pisa alla Chiesa di S.Maria della Spina e ancora a Firenze al Salone Brunelleschi del Palagio di Parte Guelfa. Nel 2004 partecipa con una mostra personale a Villa Caruso Bellosguardo di Firenze e si classifica primo al Premio per la Grafica di Pontedera. Nel 2008 espone le sue grandi tele e tecniche miste su carta alla Galleria Dell’Uva di Ferrara. Attualmente vive e lavora in Toscana.

.Esposizioni

.Raccolta stampa